fbpx

CAPTCHA: prove your humanity

Mar 21, 2019 | artificial intelligence, IT | 0 commenti

I CAPTCHA sono misure di sicurezza molto importanti perché evitano che i bot possano raccogliere informazioni o inviare messaggi senza permesso. Ma qual è l’origine di questo acronimo? Scoprilo qui!

  • Chapcha, rechap, chapchap…
  • Aspetta, cosa? Si dice CAPTCHA!

Per CAPTCHA (che, attenzione, si pronuncia [?kæp.t??]) si intende una misura di sicurezza informatica progettata per verificare, tramite un semplice test, se dall’altra parte del PC si nasconde una persona in carne e ossa oppure un bot.   

I CAPTCHA sono molto importanti perché evitano che i cosiddetti bot – automatismi malevoli che scandagliano la rete alla ricerca di form ed email – possano raccogliere informazioni o inviare messaggi senza permesso, permettendo così attività di spam. Attualmente non esiste un software sufficientemente sofisticato da decifrare un codice alfanumerico o effettuare un semplice calcolo (o comunque non è disponibile per l’utente medio), quindi se un sistema è in grado di farlo è probabile che sia un essere umano. In altre parole, questo sistema è un passo importante per la sicurezza e l’usabilità di un sito web.

lead ORIGINE

CAPTCHA è l’acronimo inglese di Completely Automated public Turing test to tell Computers and Humans Apart. Il test di Alan Turing (1912-1954), al quale si riferisce l’acronimo, consisteva nel riconoscere se, attraverso una serie di domande e risposte, una macchina fosse in grado di sostituirsi ad un essere umano, fornendo quindi risposte perfettamente equiparabili a quelle di un soggetto pensante.

Non a caso la pronuncia fonetica assomiglia all’espressione Caught you!, che significa Beccato!

lead IL GIOCO DELL’IMITAZIONE

Il test di Turing è una specie di gioco che coinvolge tre individui: A, B e C.

Al partecipante C viene dato il compito, attraverso una serie di domande, di indovinare il genere di A e B. A loro volta, anche A e B hanno dei compiti: A deve cercare di ingannare C e B, al contrario, deve provare ad aiutarlo nella risoluzione del quesito. Affinché C non possa disporre di alcun indizio (come ad esempio la grafia la voce), le risposte alle domande di C devono essere dattiloscritte o trasmesse in maniera similare.

A questo punto Turing ipotizza la sostituzione della persona A con una macchina. Se nel corso dell’esperimento, C non si accorge di questa sostituzione, allora A, che è una macchina, potrà essere considerata intelligente tanto quanto un essere umano e pertanto indistinguibile da esso.

Le macchine possono quindi sostituirsi a un essere umano?

Nonostante siano passati ormai molti anni, la logica e la riflessione che sta alla base del test di Turing è ancora oggi attuale, come dimostrato dagli enormi passi avanti nel campo della robotica e più ingenerale dell’intelligenza artificiale.

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti al nostro blog!

Niente spam, solo idee 😉
* indicates required
Email Format

Nexus Advanced Technologies userà le informazioni da te fornite con questo form per contattarti e fornirti aggiornamenti e offerte. Spunta le caselle qui sotto per dirci quali comunicazioni ti piacerebbe ricevere:

Sarà possibile disiscriverti in qualunque momento cliccando sul link presente in fondo alle nostre email. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita l'apposita sezione del nostro sito.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

CAPTCHA: prove your humanity

Mar 21, 2019 | artificial intelligence, IT | 0 commenti

  • Chapcha, rechap, chapchap…
  • Aspetta, cosa? Si dice CAPTCHA!

Per CAPTCHA (che, attenzione, si pronuncia [?kæp.t??]) si intende una misura di sicurezza informatica progettata per verificare, tramite un semplice test, se dall’altra parte del PC si nasconde una persona in carne e ossa oppure un bot.   

I CAPTCHA sono molto importanti perché evitano che i cosiddetti bot – automatismi malevoli che scandagliano la rete alla ricerca di form ed email – possano raccogliere informazioni o inviare messaggi senza permesso, permettendo così attività di spam. Attualmente non esiste un software sufficientemente sofisticato da decifrare un codice alfanumerico o effettuare un semplice calcolo (o comunque non è disponibile per l’utente medio), quindi se un sistema è in grado di farlo è probabile che sia un essere umano. In altre parole, questo sistema è un passo importante per la sicurezza e l’usabilità di un sito web.

lead ORIGINE

CAPTCHA è l’acronimo inglese di Completely Automated public Turing test to tell Computers and Humans Apart. Il test di Alan Turing (1912-1954), al quale si riferisce l’acronimo, consisteva nel riconoscere se, attraverso una serie di domande e risposte, una macchina fosse in grado di sostituirsi ad un essere umano, fornendo quindi risposte perfettamente equiparabili a quelle di un soggetto pensante.

Non a caso la pronuncia fonetica assomiglia all’espressione Caught you!, che significa Beccato!

lead IL GIOCO DELL’IMITAZIONE

Il test di Turing è una specie di gioco che coinvolge tre individui: A, B e C.

Al partecipante C viene dato il compito, attraverso una serie di domande, di indovinare il genere di A e B. A loro volta, anche A e B hanno dei compiti: A deve cercare di ingannare C e B, al contrario, deve provare ad aiutarlo nella risoluzione del quesito. Affinché C non possa disporre di alcun indizio (come ad esempio la grafia la voce), le risposte alle domande di C devono essere dattiloscritte o trasmesse in maniera similare.

A questo punto Turing ipotizza la sostituzione della persona A con una macchina. Se nel corso dell’esperimento, C non si accorge di questa sostituzione, allora A, che è una macchina, potrà essere considerata intelligente tanto quanto un essere umano e pertanto indistinguibile da esso.

Le macchine possono quindi sostituirsi a un essere umano?

Nonostante siano passati ormai molti anni, la logica e la riflessione che sta alla base del test di Turing è ancora oggi attuale, come dimostrato dagli enormi passi avanti nel campo della robotica e più ingenerale dell’intelligenza artificiale.

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti al nostro blog!

Niente spam, solo idee 😉
* indicates required
Email Format

Nexus Advanced Technologies userà le informazioni da te fornite con questo form per contattarti e fornirti aggiornamenti e offerte. Spunta le caselle qui sotto per dirci quali comunicazioni ti piacerebbe ricevere:

Sarà possibile disiscriverti in qualunque momento cliccando sul link presente in fondo alle nostre email. Per informazioni sulla nostra privacy policy visita l'apposita sezione del nostro sito.


We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.