fbpx
Customer training

Traditional Web Design Vs Growth Driven Design

Design, digital marketing, Ideas, Produttività, Web Design

A partire dalla sua nascita, a metà anni 90, lo User Experience Design ha come scopo quello di fornire dei prodotti il cui uso suscita piacere e soddisfazione.  Durante questi trent’anni il metodo di ricerca e sviluppo di questa disciplina è cambiato drasticamente. L’utente ha acquisito sempre più valore rappresentando l’origine di una continua evoluzione della conoscenza. 

Negli ultimi anni abbiamo assistito alla diffusione del Growth Driven Design, un nuovo approccio che intende ridurre la frustrazione e i rischi del tradizionale Web Design e migliorare le performance della tua web Application o sito web grazie a un continuo incremento della conoscenza dei propri utenti.

Insomma, che cos’è il Growth Driven Design?

Il Growth Driven design è composto da tre passaggi principali: la strategy, il launch pad e il continuous improvement.

L’obiettivo della prima fase, la strategy,  è quello di sviluppare una comprensione empatica dei propri utenti e capire come il tuo sito web può aiutarli nel risolvere i loro problemi. Durante questo step è fondamentale rispondere alle domande:

  • Chi sono i miei utenti?
  • Quali sfide stanno affrontando?
  • Quali sono i loro obiettivi?

Come il mio sito web o la mia web application possono sostenerli durante il loro percorso?

Per rispondere a questi interrogativi è necessario individuare gli obiettivi della tua presenza online, svolgere una ricerca di user experience e comprendere cosa l’utente farà con il nostro prodotto. Una buona pratica è quella di approfondire la riflessione sul nostro utente attraverso il framework detto “Jobs to Be Done”.

Successivamente, è necessario lanciare il proprio sito attraverso la fase di launch pad. Il prodotto che lanciamo in questo step sarà solo una versione iniziale, ma comunque funzionante, efficiente e di qualità. Le sue future modifiche saranno guidate dai feedback degli utenti e dai dati raccolti durante la loro esperienza. È l’utente che ci dice di cosa ha bisogno, e cosa va migliorato. 

Infine, il Growth Driven Design richiede un continuous improvement. A ogni ciclo di progettazione, si raccolgono i dati relativi alla user experience e si cercano soluzioni nuove ed innovative al fine di rendere l’esperienza sempre più semplice, efficace e piacevole. L’obiettivo è quello di incrementare il valore che la pagina web ha per il suo utente, e quindi interessarlo maggiormente al tuo business.

Si può quindi sostenere che il Growth Driven Design è una collaborazione iterativa tra lo sviluppatore, il designer e l’utente al fine di risolvere alcuni problemi della vita quotidiana in un modo poco rischioso e poco frustrante. Grazie al continuo ascolto degli utenti, infatti, sarà più semplice evitare di progettare soluzioni difettose e inefficaci.  

Quali sono le differenze con il web design tradizionale?

Il Web Design tradizionale, a differenza del Growth Driven Design, è in genere un approccio meno iterativo. Solitamente il Web Design si compone di un ciclo che si ripete circa ogni due anni. La fase di progettazione risulta lunga e costosa a causa delle numerose modifiche che si è chiamati a svolgere, che obbligano a riaprire un progetto che viene di volta in volta chiuso.

Dal punto di vista del designer questo approccio risulta molto stressante, in quanto può richiedere per periodi anche molto lunghi una continua concentrazione su un unico progetto. 

Il Growth Driven Design, invece, è un approccio continuo grazie al quale, periodicamente, è possibile apportare piccole modifiche che dal punto di vista della progettazione richiedono poco tempo, ma che potrebbero migliorare drasticamente l’esperienza utente. È, inoltre, un approccio meno monotono e più educativo in quanto permette di scoprire sempre nuovi aspetti di come l’utente opera. La conoscenza approfondita del tuo utente, naturalmente, non avrà ricadute solo sul design del tuo sito, ma ti permetterà di targettizzare meglio tutta la tua comunicazione.

Vuoi scoprire di più sui nostri servizi Salesforce? Leggi anche:

Come i Jobs To Be Done migliorano il tuo Business

Grazie all’articolo precedente avrai scoperto cosa sono e come si sviluppano i Jobs To Be Done. Hai visto come questi siano in grado di farci conoscere nuovi aspetti della tua audience che prima...

Come risolvere i problemi di marketing con i Jobs To Be Done

Nei nostri articoli abbiamo spesso citato i Jobs To Be Done, un approccio rivoluzionario con il quale potrai innovare il mercato e raggiungere ambiziosi business goals. Ma che cos’è il Jobs To Be...

Le Buyer Personas come mezzo per migliorare la tua strategia sui social network

In questo articolo, tratteremo della mappatura delle personas e ti forniremo alcuni suggerimenti su come può supportare gli sforzi di marketing del tuo marchio.   DEFINIRE E CREARE UNA BUYER...

Traditional Web Design Vs Growth Driven Design

A partire dalla sua nascita, a metà anni 90, lo User Experience Design ha come scopo quello di fornire dei prodotti il cui uso suscita piacere e soddisfazione.  Durante questi trent’anni il metodo...

Visitor, Prospect, Lead | terminologia in Salesforce Pardot

Cos’è un visitor, un prospect e un lead in Salesforce Pardot   Visitor, prospect e lead sono tre termini che vengono utilizzati per identificare passaggi chiave del percorso di un utente, più...

Digital Marketing | Cos’è e perchè il tuo business non può farne a meno

È ormai chiaro a tutti che uno dei temi fondamentali dell’agenda politica, economica e sociale del nostro Paese vede la Digital Transformation come driver principale per affrontare il “New Normal”....

Data Basics – Alle fondamenta della segmentazione: la Cluster Analysis

Per porre le basi della propria value proposition, ancora prima della fase di ideazione di un concept di prodotto o di servizio, il primo imprescindibile passaggio che dovrai verificare è quello del...

Sales & Marketing: due team in simbiosi per la lead generation

Il team Marketing e quello Sales, nella stragrande maggioranza delle organizzazioni, affrontano le loro routine lavorative in maniera differente. Questo perché spesso, pur condividendo l’obiettivo...

Data Basics – ad ognuno i suoi KPI: scegli quello giusto da monitorare

Quando parliamo di KPI ci riferiamo ad indicatori misurabili di come e quando i target operativi e strategici vengono raggiunti; essi infatti descrivono quanto efficacemente ci si avvicina ad un...

Ottimizzare le tue landing page: come farle diventare veri generatori di lead

Come sicuramente saprai già  il tuo website è la chiave di volta del tuo posizionamento online, e come ogni asset di primaria importanza è giusto che si dedichi ad esso una grande attenzione, in...

Growth Driven Design: un approccio vincente

È, quindi, possibile affermare che il Growth Driven Design risulta una potente innovazione della User Experience Design methodology. Questa ci permette di lanciare velocemente una nuova versione del nostro prodotto, che risulti migliore di quella precedente. Grazie, inoltre, al test continuo e ai conseguenti piccoli e continui aggiornamenti è possibile fornire frequenti migliorie basate su dati reali. Così facendo si ottimizzano le risorse in termini di spesa, tempo e concentrazione, che saranno  suddivise nel tempo e che presenteranno minori rischi.

Il Minimum Viable Product

Il Growth Driven Design è un approccio che si concentra sulla creazione di un Minimum Viable Product. L’ MVP consiste in una tecnica di sviluppo per il quale si lancia sul mercato un prodotto semplice, con caratteristiche basiche, efficiente, efficace e di qualità, ma non ancora definitivo. La sua final release viene sviluppata attraverso i feedback dei tuoi utenti grazie ai quali potrai commercializzare una web application di valore e incentrata sulle persone.

Essere un’azienda agile

Questa tipologia di sviluppo va di pari passo con una cultura aziendale che possiamo identificare nell’ormai famoso termine “agile”.

L’Agile Management ti consentirà di essere più produttivi e veloci e garantire maggiore qualità. Nel contesto V.I.C.A (volatile, incerto, complesso e ambiguo) in cui operiamo, rispondere in modo efficace e tempestivo non è una possibilità, ma l’unica opzione.

Questo innovativo approccio che si basa sulla realizzazione di un progetto per fasi e sulla costante collaborazione con gli stakeholder, ti consentirà di operare minimizzando i rischi e ottimizzando tempo e risorse.

L’agile Management, il Growth Driven Design e il Minimum Viable Product sono tre approcci fondamentali che ruotano attorno a:

  • Le persone
  • Tecnologie di valore
  • Il coinvolgimento del Cliente
  • Il problem Solving

Questi nuovi approcci incentrati sempre più sui tuoi clienti e meno sulle caratteristiche tecniche del prodotto, si stanno rivelando vincenti tanto sul piano economico quanto sul  fare innovazione.

Se applicherai un approccio agile affronterai qualsiasi sfida raggiungendo risultati e obiettivi ambiziosi in tempo reale e potrai raggiungere una posizione favorevole nel tuo mercato di competenza o in uno nuovo.

Photo by UX Indonesia from unsplsh.com

Contattaci per una consulenza dedicata!

in che cosa possiamo esserti utili?