fbpx

Explore the UNcomfort Zone

Gen 7, 2019 | produttività | 0 commenti

Photo by Oleksandr Pidvalnyi on Pexels

I cambiamenti non devono necessariamente essere radicali e stravolgere tutto il tuo lavoro, spesso piccoli passi possono portare a grandi rivoluzioni.

Come ritrovare quella “fame” elogiata da Steve Jobs nel suo celebre discorso?

Pensa alle scoperte che i bambini fanno ogni giorno, pensate a quanto si allontano dal sostegno del mondo conosciuto per avventurarsi in quello non ancora scoperto. L’entusiasmo che si ha in quel momento è tale da superare la paura di cadere. Certamente l’incoscienza dei bambini non ti appartiene più, ma di certo stupirti è ancora possibile.

La Comfort Zone rappresenta la tua routine, un luogo sicuro, un traguardo probabilmente raggiunto con molte difficoltà ma per il quale hai esaurito l’entusiasmo e non ti incentiva più a guardare oltre i tuoi confini… oltre il limite della scrivania.

Superare questa barriera comporta dei rischi, crea delle perplessità, ma senza di queste non si varcherebbe la soglia dell’UNcomfort Zone!

Una nuova visione delle cose potrebbe portarti alla scoperta di nuove attività, persone, gusti e idee che potrebbero piacerti e arricchire il tuo bagaglio personale, oltre, ovviamente, a rompere la monotonia dalla quale vorresti scappare.

 

Come prendere coraggio?

I cambiamenti non devono necessariamente essere radicali e stravolgere tutto il vostro lavoro, spesso piccoli passi verso una nuova visione delle cose possono portare a piccole rivoluzioni aziendali e personali.

I cambiamenti possono spaventare, per questo esistono metodi di integrazione graduali delle novità. Queste nuove prospettive vengono supportate dalle così dette “adoption”, letteralmente “adozioni”. È bene pensare all’adoption come una vera e propria strategia del cambiamento e come tale, ha bisogno di riflessioni ed un piano di attuazione .

Come tutti i programmi d’azione, l’adoption mette in luce il tempo e le energie necessarie e nel caso coinvolga più persone, l’effort della collaborazione . Anche se spaventa, modificare le proprie abitudini aiuta ad essere più produttivi. Il cambiamento permette di trovare nuovi stimoli per rendere al meglio nel proprio lavoro e nella propria vita personale. Prova quindi a trovare nuovi spunti, prova a non dire no a quello che non conosci, non pensare troppo e se ne senti il bisogno, crea la tua personale strategia di adoption.

Una volta individuata l’innovazione che ti piacerebbe apportare alla tua personale routine o alla tua organizzazione, individua la giusta strategia di adoption per integrarla alle attività. Dopo averla pianificata sarà bene metterla in atto, monitorarla e… aspettare i miglioramenti. I pericoli nell’apportare cambiamenti senza averne chiarito le metodologie di attuazione sono quelli di poter incorrere in uno spreco di tempo, capitale ed energie.

Quindi… Pay attention please e scopri che tipo di innovatore sei per moderare le tue scelte!

Scarica subito il miniquiz!

 

Sei già con un piede fuori dalla tua comfort zone? Scopri il tuo stile di adoption!

Scarica il nostro quiz e scopri come gestire il tuo cambiamento!