fbpx

3 motivi per cui dovresti ridefinire costantemente le tue buyer persona

Gen 18, 2018 | digital marketing, ideas, inbound, marketing | 0 commenti

Aggiungere nuove Buyer Persona, o modificare quelli già esistenti, molto spesso è una vera e propria necessità se si vuole rimanere al passo con i tempi.

Le Buyer Persona sono la base di qualsiasi campagna di Inbound Marketing che si rispetti. Grazie ad esse è possibile plasmare contenuti ad hoc e farsi un’idea molto chiara di quale sia la nostra clientela tipo – fattore fondamentale se si desidera migliorare il metodo di comunicazione aziendale e la qualità del prodotto.

Tuttavia questi personaggi creati ad arte non durano all’infinito. Anzi, è sempre una buona idea rimetterli in discussione in maniera costante, in modo da poter aggiornare le figure con le quali vogliamo comunicare.

Elenchiamo ora le tre motivazioni per cui è un bene rimettere costantemente in discussione il lavoro che viene fatto sulle Buyer Persona:

 

lead Le mode e le persone cambiano

I trend del momento, le abitudini e le richieste cambiano costantemente, e quel tipo di cliente che pareva fuori discussione potrebbe diventare il consumatore ideale. Proprio per questa ragione aggiungere nuovi tipi di Buyer Persona o modificare quelli già esistenti molto spesso è una vera e propria necessità. Questo è particolarmente vero nell’ambito social, in cui è sempre bene sfruttare e rielaborare eventuali fenomeni del momento sfruttandole a vantaggio del brand che vogliamo curare.

 

lead I feedback aiutano a limare le idee e a migliorarsi

I feedback ricevuti tramite sondaggi, post di Facebook, tweet o immagini su Instagram aiutano notevolmente nel capire la tipologia di utenza con la quale ci si trova a rapportarsi ogni giorno. Quelli che fino a ieri nella nostra testa parevano utenti tipo potrebbero cambiare drasticamente, richiedendo una totale rielaborazione a livello di contenuti e di prodotti. Trarre il meglio dai consigli e da eventuali critiche costruttive aiuta a comprendere molto bene quali sono i fattori da migliorare nell’immediato futuro.

Quelli che fino a ieri nella nostra testa parevano utenti tipo potrebbero cambiare drasticamente, richiedendo una totale rielaborazione a livello di contenuti e di prodotti.

lead Sono i particolari a rendere l’insieme vincente

Molto spesso quando si plasmano le Buyer Persona si tende ad omettere particolari apparentemente insignificanti, dando peso solamente ad alcune informazioni, come per esempio guadagno medio, età, passioni e posizione lavorativa. Tuttavia questo tipo di approccio semplifica fin troppo la tipologia di persona che vogliamo avvicinare a noi. Aggiungendo altri particolari inerenti al nucleo familiare, alla tipologia di lettura preferita o alla formazione scolastica si può dare maggiormente lustro a questa figura, cogliendo anche sfumature comportamentali che potrebbero influenzare molto le sue scelte di acquisto.

 

Le Buyer Persona sono un argomento complesso e affascinante, ma è impossibile categorizzarle in maniera precisa e ordinata senza cadere nella semplificazione eccessiva. Per questo vi invitiamo a sperimentare e in qualche modo a giocare con la vostra clientela, fino a delineare i profili che rappresentano pienamente il vostro target ideale.