fbpx

L’engagement delle 20:30

Gen 28, 2019 | networking, produttività | 0 commenti

Photo by Frans Van Heerden on Pexels

L’engagement del tuo cliente porta tantissimi vantaggi, provare per credere!

 

C’eri all’aperitivo di lunedì scorso? Ti si sono chiarite un po’ le idee su come richiamare l’attenzione del tuo pubblico? Hai provato qualcuno dei vari tool di Web Listening? Vediamo cosa porta di nuovo questo inizio settimana…

Squilla il cellulare, è la tua amica: “Stasera andiamo al giappo con la comitiva che hai conosciuto all’aperitivo?” Bella domanda, stasera avevi altri impegni… ma meno divertenti. “Si, passo a prenderti io alle 20:30!” Hai preferito uscire con loro che fare altro, la tua preferenza è stata dettata dall’interesse creatosi la volta precedente. Si torna sempre dove si è stati bene, no? Parliamo di engagement, che è esattamente quello che ti è appena accaduto: quando l’interesse per qualcosa/qualcuno è alto, solitamente finiamo per  preferirlo all’alternativa.

Strategie ben strutturate sono alla base delle iniziative aziendali ma anche piccole accortezze possono fare la differenza

Traducendo tutto questo in “aziendalese”, rendere un cliente fedele vuol dire “parlare la sua lingua”, interessarlo ed incuriosirlo  a tal punto che, anche in occasioni d’acquisto future, preferirà scegliere voi rispetto ai vostri competitors.

Attenzione: preferirà voi, non sarà indotto alla scelta solo da un prezzo più basso o una qualche convenienza esterna. Questo è un concetto fondamentale, la preferenza che il cliente dimostrerà sarà data dall’insieme di tutti quegli aspetti che ne  hanno attirato l’interesse come, ad esempio, la completezza e la qualità del servizio offerto nonché la cortesia dimostrata.

Fidelizzare il tuo cliente significherà, quindi, parlargli di ciò che lo coinvolge, proporgli un’alternativa che farà passare in secondo piano il costo più alto che la vostra offerta potrebbe avere, ed eliminerà il classico dubbio post-vendita che assale il cliente: “se avessi cercato meglio forse avrei trovato un’alternativa migliore…!”

Esistono vari strumenti che permettono di coltivare la relazione, basati appunto sul concetto di CRM (Customer Relationship Management). Per garantire la gestione delle relazioni ed  il loro nurturing, sono presenti piattaforme che propongono database in cloud e collaborano alla realizzazione dei tuoi obiettivi.

Trova la giusta strategia per portare i tuoi clienti a cena, e non perdere occasioni per continuare a conquistarli!

Inoltre …

  • Creare una relazione continua nel tempo con il cliente potrebbe portare ad una costanza dei margini aziendali;
  • Avere un cliente fedele significherà migliorare il proprio WOM;
  • Un cliente fedele sarà anche più propenso a rilasciare informazioni personali riguardo le proprie preferenze. Da queste informazioni sarà possibile creare stime di valutazione del mercato e, eventualmente, modificare l’offerta proposta.

Vuoi scoprire qualche piccolo accorgimento che può fare tanto?

Scarica l’ebook e facci sapere cosa ne pensi!

L’engagement delle 20:30

Gen 28, 2019 | networking, produttività | 0 commenti

Photo by Frans Van Heerden on Pexels

C’eri all’aperitivo di lunedì scorso? Ti si sono chiarite un po’ le idee su come richiamare l’attenzione del tuo pubblico? Hai provato qualcuno dei vari tool di Web Listening? Vediamo cosa porta di nuovo questo inizio settimana…

Squilla il cellulare, è la tua amica: “Stasera andiamo al giappo con la comitiva che hai conosciuto all’aperitivo?” Bella domanda, stasera avevi altri impegni… ma meno divertenti. “Si, passo a prenderti io alle 20:30!” Hai preferito uscire con loro che fare altro, la tua preferenza è stata dettata dall’interesse creatosi la volta precedente. Si torna sempre dove si è stati bene, no? Parliamo di engagement, che è esattamente quello che ti è appena accaduto: quando l’interesse per qualcosa/qualcuno è alto, solitamente finiamo per  preferirlo all’alternativa.

Traducendo tutto questo in “aziendalese”, rendere un cliente fedele vuol dire “parlare la sua lingua”, interessarlo ed incuriosirlo  a tal punto che, anche in occasioni d’acquisto future, preferirà scegliere voi rispetto ai vostri competitors.

Attenzione: preferirà voi, non sarà indotto alla scelta solo da un prezzo più basso o una qualche convenienza esterna. Questo è un concetto fondamentale, la preferenza che il cliente dimostrerà sarà data dall’insieme di tutti quegli aspetti che ne  hanno attirato l’interesse come, ad esempio, la completezza e la qualità del servizio offerto nonché la cortesia dimostrata.

Fidelizzare il tuo cliente significherà, quindi, parlargli di ciò che lo coinvolge, proporgli un’alternativa che farà passare in secondo piano il costo più alto che la vostra offerta potrebbe avere, ed eliminerà il classico dubbio post-vendita che assale il cliente: “se avessi cercato meglio forse avrei trovato un’alternativa migliore…!”

Esistono vari strumenti che permettono di coltivare la relazione, basati appunto sul concetto di CRM (Customer Relationship Management). Per garantire la gestione delle relazioni ed  il loro nurturing, sono presenti piattaforme che propongono database in cloud e collaborano alla realizzazione dei tuoi obiettivi.

Trova la giusta strategia per portare i tuoi clienti a cena, e non perdere occasioni per continuare a conquistarli!

Inoltre …

  • Creare una relazione continua nel tempo con il cliente potrebbe portare ad una costanza dei margini aziendali;
  • Avere un cliente fedele significherà migliorare il proprio WOM;
  • Un cliente fedele sarà anche più propenso a rilasciare informazioni personali riguardo le proprie preferenze. Da queste informazioni sarà possibile creare stime di valutazione del mercato e, eventualmente, modificare l’offerta proposta.

Vuoi scoprire qualche piccolo accorgimento che può fare tanto?

Scarica l’ebook e facci sapere cosa ne pensi!