fbpx
Strategie di Automazione e Segmentazione

Strategie di Automazione e Segmentazione

Consulenza, Formazione, Ideas, Pardot, Salesforce

8 strategie di automazione e segmentazione da implementare nel tuo software di marketing automation

 

Dopo aver acquistato e implementato un software di marketing automation, come ad esempio Salesforce Pardot, sei alla ricerca di ulteriori approfondimenti e idee sulle migliori tecniche di segmentazione e automazione dei processi? Sei nel posto giusto! 

Se le basi di Pardot. come ad esempio la segmentazione dei contatti e la campaign performance, ti hanno aiutato ma non sono sufficienti, ti proponiamo ora alcune tattiche di automazione che possono tornarti utili al momento di mettere a punto una strategia di marketing efficace e duratura.

Prima di tutto, alcuni elementi da conoscere relativi agli automation tool di Salesforce Pardot:

lead Automation Rule

Le automation rule sono regole ripetibili basate su criteri preimpostati al fine di eseguire azioni in automatico.

  • Sono retroattive, quindi verificano i criteri definiti anche su prospect già presenti nel database, ma le modifiche ai criteri o alle azioni dopo aver attivato l’automazione non vengono considerate. 
  • Possono essere messe in pausa
  • Sono associate a un prospect soltanto una volta: una singola automation rule non verrà associata allo stesso prospect più di una volta, anche se questi continua a soddisfare la regola, a meno che non di decida di rendere la regola ripetibile
  • Sono ripetibili: quando si imposta un’automation rule, è possibile flaggare l’opzione “repeat rule” che consente di programmare quante volte quella determinata regola può essere associata al prospect.

 

 lead Segmentation Rule

Le regole di segmentazione utilizzano criteri per filtrare i potenziali clienti e assegnare una determinata attività ad una sola tipologia di prospect. La segmentazione del target ha due chiavi di funzionamento:

  • le segmentation rule che definiscono il criterio di segmentazione
  • le segmentation action che indicano l’attività che sarà assegnata ai prospect individuati.

A differenza delle Automation rule, le segmentation rule sono “istantanee nel tempo”: quando la regola viene eseguita, Pardot cercherà nel database esistente i prospect che corrispondono ai criteri di quella regola una sola volta. In secondo luogo, le azioni relative alle regole di segmentazione si concentrano sulla creazione di elenchi. Si ha la possibilità di aggiungere o rimuovere tag di potenziali clienti, aggiungere o rimuovere contatti da una lista e aggiungerli o rimuoverli da una campagna di Salesforce.

Specificati questi concetti, vediamo cosa si può fare oltre alla semplice creazione di elenchi per alimentare le tue campagne e-mail.

Vuoi scoprire di più sul digital marketing? Leggi anche:

Digital Marketing | Cos’è e perchè il tuo business non può farne a meno

È ormai chiaro a tutti che uno dei temi fondamentali dell’agenda politica, economica e sociale del nostro Paese vede la Digital Transformation come driver principale per affrontare il “New Normal”....

Data Basics – Alle fondamenta della segmentazione: la Cluster Analysis

Per porre le basi della propria value proposition, ancora prima della fase di ideazione di un concept di prodotto o di servizio, il primo imprescindibile passaggio che dovrai verificare è quello del...

Data Basics – ad ognuno i suoi KPI: scegli quello giusto da monitorare

Quando parliamo di KPI ci riferiamo ad indicatori misurabili di come e quando i target operativi e strategici vengono raggiunti; essi infatti descrivono quanto efficacemente ci si avvicina ad un...

Ottimizzare le tue landing page: come farle diventare veri generatori di lead

Come sicuramente saprai già  il tuo website è la chiave di volta del tuo posizionamento online, e come ogni asset di primaria importanza è giusto che si dedichi ad esso una grande attenzione, in...

Verifica le tue buyer personas con i dati

Creare delle buyer personas non significa solo descrivere il potenziale pubblico d'acquisto per il tuo business, ma generare una serie di intuizioni che possono essere usate dal team marketing,...

SEO | Cos’è e terminologie

 Introduzione In questo articolo vedremo alcune nozioni base per comprendere il mondo della SEO, di cosa si occupa, come interpretare questa disciplina e un glossario dei termini più utilizzati in...

Digital Basics – marketing automation & GDPR

A Maggio del 2016 l’Unione Europea ha emanato il General Data Protection Regulation, più conosciuto come GDPR, un vastissimo insieme di normative, obblighi e soprattutto diritti che hanno a che fare...

Insourcing VS outsourcing: quali sono i pro e i contro per la tua azienda?

Insourcing vs. Outsourcing nei progetti di Digital Marketing, come direzionare la migliore scelta per la tua azienda. In molti si chiedono se sia meglio strutturare un team interno all’azienda che...

Data Basics – sistemi di tracciamento dei dati

Nel precedente articolo Data Basics abbiamo sottolineato l’importanza di tenere sotto controllo le performance del proprio business attraverso un sistema strutturato di metriche, chiamate KPI, il...

GOOGLE ADS | Tipologie di Offerta, una spiegazione

Cos’è un’asta Si tratta della procedura che esiste per ogni ricerca su Google, creata per decidere quali annunci vengono pubblicati per tale ricerca (o contesto) e in quale ordine compaiono sulla...

Costruisci liste utili al team Sales

È abbastanza comune creare elenchi di prospect che possono essere utilizzati per e-mail e drip campaigns, ma facciamo un ulteriore passo avanti. Perché non creare elenchi con solo prospect con lo score più alto, in modo di aumentare la probabilità per i sales di contattare prospect più “caldi” e interessati?

Segmenta secondo la fase del ciclo di vendita

Se hai a disposizione contenuti utili in diversi punti del ciclo di vendita, (upper, middle, lower funnel), potresti creare elenchi specifici basati su queste fasi e distribuire i contenuti in modo che siano il più pertinenti possibile. È anche adattando le comunicazioni agli interessi di ciascun prospect che si aumenta la probabilità che interagiscano con le tue e-mail e passino da una fase del ciclo di vendita a quella successiva.

Pensa a follow-up o liste preparatorie di un evento

Stai organizzando un webinar? La segmentazione del tuo pubblico ti potrebbe aiutare a comunicare importanti informazioni pre-evento, modifiche al programma, contenuti supplementari e altro ancora. In questo caso creare elenchi di partecipanti o lead generati dall’evento è utile per dare seguito con contenuti mirati (contenuti scaricabili, sum up del webinar, interviste e approfondimenti) una volta terminato l’evento.

Segmenta in base ai partner

Un‘altra opzione è la segmentazione realizzata sui partner e fornitori della tua azienda per inviare informazioni pertinenti ai loro interessi, che potrebbero non trovare nella newsletter rivolta ai clienti. 

Segmenta in base al Job Title

Per avere la certezza di indirizzare le comunicazioni verso potenziali clienti con una certa influenza all’interno dell’azienda, crea un elenco basato sui loro job title (CMO, CSO, Direttore del marketing, ecc.) e fornisci loro contenuti pertinenti e diretti al loro specifico interesse. 

Targettizza in base all’interesse del prodotto

Le segmentation e le automation rules possono essere strumenti potenti per le aziende con più offerte di prodotti: è molto probabile che alcuni prospect siano interessati a un prodotto rispetto a un altro. In questo caso, potrebbe esserti d’aiuto usare la cronologia delle loro attività per capire meglio il loro interesse. Sfrutta queste informazioni per inserirli in un elenco specifico riferito a quel particolare prodotto. 

Crea “Suppression List”

Esattamente come ci sono molte persone a cui è necessario far avere una certa comunicazione, ce ne sono altrettante che vanno escluse dalle nostre comunicazioni per diversi motivi. Ad esempio? Coloro che sono già in contatto con i tuoi sales, e che quindi non necessitano di altri spunti di nurturing. Crea dunque specifiche “suppression list” che ti aiuteranno a non sbagliare pubblico e messaggi.

Un consiglio? Crea elenchi dinamici in Salesforce Pardot per assicurarti che le liste di contatti siano costantemente aggiornate con le persone che soddisfano o meno i criteri di quell’elenco. Gli elenchi dinamici sono ideali per le suppression list, per le newsletter e per qualsiasi altra comunicazione che verrà ripetuta nel tempo.

 

Vuoi capire come mettere in pratica tutte queste strategie sullo strumento grazie a un training personalizzato?

Contatta il Team di consulenza di NexusAT per scoprire come!

Contattaci e chiedici informazioni!

in che cosa possiamo esserti utili?